Consuntivo di una serata che parte con una birretta e finisce con un super eroe.

6 giugno 2011
Condividi su

 

Capisco ,annusando l’aria con il naso rivolto verso l’alto come un segugio da punta, che è giunto il momento di trovare una soluzione ai molti problemi che ci affliggono.

Questa città (non la specifico che tanto va bene per tutte) ha bisogno di un risanatore, di un essere speciale che riporti gli individui verso una rotta nuova.

Esci un attimo, ti bevi una birretta e, gira che ti rigira, si casca sempre a parlare dell’insoddisfazione data da rapporti umano/amorosi deludenti. Ma guarda che mica ti sto parlando di un campione ristretto fatto da tipelle sempre quelle eh? Mi impossesso di una fantomatica pannellata stile Indovina chi? con su le facce delle persone che conosco e passo tranquillamente dalla commessa, all’imprenditore, dal pancabbestia, al dj, dal giornalista, al gestore d’ostello con anima DiscoStu. Tutti faccia in giù. Tutti scontenti.

Ha i capelli? Sì, ed è scontento.

Porta gli occhiali? Sì, ed è scontento.

La soluzione? Un supereroe.

Il costume? Ce l’ha ed è molto bello.

Il suo nome? SUPER IO.

Super Io è l’eroe che mancava alla tua ed alla mia città. In questo mondo dominato dall’Es e dall’Io, Super Io riporterà l’ordine e la felicità con le sue prodigiose e severissime funzioni di controllo.

Le istanze istintuali dell’Es, votate al perseguimento della soddisfazione delle pulsioni inconsce ti sopraffanno? Super Io le bacchetta a dovere.

La visione dell’Io ha una sua concezione del Sé sempre troppo positivista? Super Io gli schiaffa davanti una realtà che MOLLAMI.

Non sarà un Super Io troppo rigido, severo, esigente e punitivo come non sarà neanche troppo fragile e tollerante; lui è qui per eliminare i nevrotici ossessivi, le personalità capricciose, gli impossibilitati ad appoggiarsi a un solido sistema di valori interiori e non a creare nuovi terroristi sentimentali.

Tra l’altro sa anche sorridere (sempre nel momento più opportuno) e, certo, bisogna esser onesti asserendo che il senso dell’umorismo non è proprio la sua qualità principe.

Del resto ad un super eroe che lavora perché torni a te il senso dell’umorismo cos’altro vuoi chiedere?

Perciò, bando alle birrette con argomentazioni su uomini o donne che non ci sanno prendere, che non ci capiscono, che ci trattano male, che non sanno cosa vogliono; bando al “CI SON RIMASTO SOTTO”.

Il garante della stabilità emotiva riporterà tutti a felici feste terrazzate con armonie d’intenti e grandi effusioni e gente che comunica e gente che si capisce al volo e gente che percorre una strada insieme pur rimanendo individui e gente che persegue gli stessi obbiettivi e gente che dice “eravamo un potenziale insieme ma non ci siamo conosciuti nel momento giusto” non ce ne sarà più.

Nel sequel (c’è sempre un sequel anche quando non lo vuoi) spero arrivi un nuovo super eroe, tipo un alleato di Super Io, che ci dica di cosa parlare quando esci un attimo con un’amica e ti bevi una birretta.