MON ArMOUR di Elena Borghi: un allestimento che è una favola e viceversa

14 giugno 2011
Condividi su

 

 

Arrivò all’improvviso.

Un giorno, Drago bussò alla mia porta.

“Il viaggio è il mio desiderio” mi disse  “Accompagnami nei luoghi del sapere, della magia. Portami dove il mio fuoco possa ardere e crescere all’infinito”.

“Ti mancano le ali.” risposi con una scusa. Sapevo però, nel profondo, che la paura mi stava dominando. Temevo di affrontare una sfida troppo audace e sfrontata per l’idea che avevo di me stessa.

“Sarai tu le mie ali” rispose sicuro.

Da quel momento Drago ha cominciato a volare, a spostarsi di luogo in luogo.

Lui, anima di fuoco, ha il potere di sciogliere ogni imperfezione liberando gli spazi e le persone che li vivono,  facendone riaffiorare la loro vera natura.

Il Guardiano rappresenta la conoscenza che discerne il tutto, l’illuminato. Un guerriero silente, un servitore fedele che osserva e vigila attento sul destino della donna, interpretata da Ophelia, che, ritrovato il suo istinto primordiale, si abbandona all’amore.

Solo il migliore tra gli uomini è in grado di scegliere, accogliere e proteggere una donna che si muove nel mondo attingendo all’unica fonte di conoscenza che possiede: il proprio istinto.

Ophelia, indossa l’energia di Drago.

Un potere che giunge da archetipi remoti e che le permettono di vivere ogni esperienza in modo sempre più consapevole.

Da allora, ogni volta che Drago termina il suo lavoro, cerca una nuova dimora, perché questo viaggio non abbia mai fine.

 

MON ArMOUR, di Elena Borghi.

dal 18 giugno al 21 luglio 2011 presso spazio ATELIER ABC, Corso Como 5, Milano

Inaugurazione: 21 giugno 2011 dalle 19 alle 22

Apertura settimana Moda Uomo: dalle 10 alle 23

Apertura settimanale: da lun. a ven. dalle 10 alle 20.30

 

It arrived out of the blue.

One day Dragon knocked at my door.

” The journey is what I want” it told me “come with me to the lands of knowledge, of magic. Take me where my fire can burn and grow endlessy”.

” You don’t have wings” I replied with an excuse. But I knew, deep inside, that fear was taking over me. I was afraid to take up such a bold challenge considering the idea I had of myself.

” You will be my wings” it replied without a doubt.

From that moment Dragon started to fly, moving from one place to an other.

It, soul of fire, has the power to dissolve any flaw, freeing the spaces and the people who live in them, helping their real nature to come out again.

The Guardian represents the knowledge discerning everything, the enlightened. A silent warrior, a faithful servant that watches over the fate of the woman, personified by Ophelia, who, returned to her primordial instinct, abandons to love.

Only the best among men can choose, sustain and protect a woman who lives following only her instinct.

Ophelia wears the Dragon energy.

A power originated in remote archetypes that allows her to live each and every experience with growing awareness.

Since then, once Dragon is done with its job, it looks for a new home, so this journey never ends.