Non ci vedo bene ma ci sono: posta del cuore a Dio (Quindicesima Lettera)

24 novembre 2013
Condividi su

 

la-posta-di-Dio-quidicesima-lettera

Rara immagine di Dio, ritratto in un momento di distrazione. Disegno di Elena Borghi.

 

Perse tutte le speranze, non ti rimane che scrivere a Dio, sperando che risponda.

Questa è una rubrica domenicale nata a Sua insaputa ma, ovviamente, anche a Sua immagine e somiglianza.

Domande, pensieri, parole, opere e omissioni di gente che, una qualche risposta precisa la vorrebbe. E chissà che magari un giorno non arrivino anche.

 

Caro Dio,

 per me questa parola, Dio, vuol dire Trinità, Allah, Buddha, Tao, Zeus, eccetera.

Questo conferma diversi fattori:

– che tutti gli scontri religiosi nascono per ragioni d’interesse economico, fondati su false ideologie, perpetrati da persone inconsapevoli di essere un gregge al servizio di altre persone capaci di esercitare il potere.

– che tu, Dio, sei bravissimo perché come ti chiamano ti chiamano: ascolti e rispondi, comunque.

– che la religione gestita dall’essere umano non centra niente con Te, sia esso cristiano, musulmano, buddista, taoista o pagano.

A tal proposito in questi giorni ha viralizzato molto su Facebook la pubblicazione di un documento intitolato “DOVERI DELLE SPOSE”, un indottrinamento cristiano risalente alla fine del 1800.

doveri-delle-spose

 

Incuriosita da questi 17 punti irremovibili, ho scoperto che anche nella religione musulmana è stato redatto un documento simile solo che le regole sono molto più interpretabili, meno rigide e prive di un’impaginazione fascista.

– “Le donne virtuose sono obbedienti (ai loro mariti) e proteggono ciò che deve essere protetto, in assenza del loro sposo, con la protezione di Allah” (Corano IV An-Nisâ’, 34)

– “La migliore delle spose è quella che rallegra il suo sposo quando questi la guarda, gli obbedisce quando questi le chiede qualcosa, e non fa della sua persona o dei suoi beni delle cose che egli aborrisce” (Sunan Nisâ’î, vol.6, pag.68)

– “Esse hanno diritti equivalenti ai loro doveri, in base alle buone consuetudini… tuttavia gli uomini hanno una predominanza su di esse” (Corano II. Baqara, 228)

– “La migliore delle donne è quella che, quando la guardi, ti rallegra; quando le chiedi una cosa ti obbedisce e non fa nulla che possa indispettirti” (Susan Nisâ’î)

Ecco, mi pare quindi chiaro che anche nel secondo caso si può scorgere chiaramente una mano maschile dietro alla stesura dell’interpretazione del Corano. Una mano maschile che ha voluto, dalla notte dei tempi, manipolare l’energia della donna, nata affianco a lui alla guida di un’armonia capace di meraviglie e relegata a una posizione di sudditanza capace di farle vivere cose terribili. Tuttora.

Comunque ho letto anche un’altra frase bellissima sul rapporto di coppia secondo la religione musulmana:

“… esse sono una veste per voi, e voi siete una veste per loro…” (Corano II. Al-Baqara, 187).

Per me è chiaro che Il Creatore è uno solo e che, per cause geografiche, vieni chiamato in modo diverso. Giusto?

Felice domenica di riposo,

 

Una Fedele.

 

LEGGI LE LETTERE DELLE SCORSE SETTIMANE QUI.