Vippismi

15 gennaio 2014
Condividi su

 

"I'm-a-lucky-girl-elena-borghi

“I’m a lucky girl” autoritratto con quadrifogli in papercraft, 2013, Elena Borghi.

 

Passando dalla mia lavanderia di fiducia, in un giorno qualunque:

“Ecco qua Borghi! Tutto lavato, stirato e profumato!”

Dentro al negozio c’è una ragazza con una bimba di circa un anno in passeggino. Mi guardano entrambe. La Mamma della bimba esclama:

“Ma… tu sei Elena Borghi?”

“Sì, sono io” 

“Ah! Ma io ti stimo un sacco! Posso stringerti la mano? Seguo quello che fai da quando ho visto i tuoi disegni all’Ostello Bello! Quando li ho visti ho pensato: – Questa è una grande! -“

“Ti ringrazio, ti ringrazio infinitamente ma tu sei molto più creativa di me” indico la bambina di circa un anno in passeggino “Anche a me piace molto quello che fai”.

“Eh sì. A casa ne ho un altro. Per ora ne sto finendo due, di lavori”

 

Tratto da “Il mondo è speciale ovunque”, un libro che non esiste ma che, un giorno, scriverò. Pag. 27

Se anche tu vuoi incontrare dei fan che ti stimano e, contemporaneamente, avere vestiti lavati (per davvero) stirati e profumati “Premiata Lavanderia Favini” è il posto che fa per te.