Erika Cavallini semi-couture: installazione “Sweetcases” presso Excelsior Milano

22 febbraio 2014
Condividi su

#papercraft #window

elena-borghi-for-erika-cavallini-semicouture

Foto by Elena Datrino Photographer

 

“La funzione del linguaggio non è quella d’informare, ma di evocare.”
Jacques Lacan, Scritti, 1966

 

È nella cornice “Sweetcases” che verranno presentati a Milano, in occasione della Fashion Week, i capi della Spring Summer 2014 ERIKA CAVALLINI Semi-Couture.

L’installazione artistica, pensata e creata da Elena Borghi, riprende il tema del viaggio, fonte inesauribile e imprescindibile dalla quale sempre Erika trae ispirazione immaginando i capi che mano a mano prendono così forma diventando realtà.

sweetcases-by-elena-borghi-for-erika-cavallini

 

Terra, muschio, foglie, fiori, frutta e piume diventano i gioielli di giardini segreti, forse immaginari o forse reali, nei quali la donna Semi-Couture si confonde con la natura voluttuosa accompagnata da un bagaglio di ricchezze e ricordi, inseparabile e fedele alleato, capace di portarla in dimensioni sconosciute dal sapore ultraterreno. Allo stesso tempo, Erika ed Elena raccontano una donna consapevole del proprio Io, di chi è, da dove viene e dove è diretta.

 

sweetcases-by-elena-borghi-for-erika-cavallini

 

Erika Cavallini e Elena Borghi si incontrano con la volontà di creare un dialogo complice e attento, fondato sull’esperienza professionale e la comune attenzione verso l’evocazione di un messaggio dallo slancio positivo e poetico.

 

sweetcases-by-elena-borghi-for-erika-cavallini

 

sweetcases-by-elena-borghi-for-erika-cavallini

 

sweetcases-papercraft-by-elena-borghi sweetcases-papercraft-by-elena-borghi sweetcases-papercraft-by-elena-borghi sweetcases-papercraft-by-elena-borghi

Excelsior, Milano, Galleria del Corso, 4 – 3rd floor,
dal 18 febbraio al 1 marzo 2014

Uno speciale ringraziamento a:

Elena Datrino per aver documentato con splendide foto l’allestimento.

A tutto lo staff di Erika Cavallini per aver creduto in questa gioiosa collaborazione.

Alle mie preziose collaboratrici Linda e Chiara per l’amorevole lavoro svolto insieme.