Fricchettonismi

7 settembre 2015
Condividi su
namaste-elena-borghi
«Saluti spesso con le mani giunte, con il namasté. Sei buddista?»
«Non sono buddista. Oppure lo sono, anche. La mia religione comprende un po’ tutte le religioni. Ma non faccio il namasté con una valenza buddista. Magari posso risultare come una di quelle fricchettone della domenica, cosa abbastanza fastidiosa per la verità. In realtà ho notato che tendo a salutare con le mani giunte in certe circostanze, spesso quando vengo presentata a un gruppo di persone in modo ufficiale. Mi viene spontanea come riverenza e la faccio. Tutto qui.»
«Beh se non lo fai di proposito non stai facendo la fricchettona.»
«Vero? Grazie, mi sollevi da un pensiero.»
«Secondo te perché ti viene spontaneo come gesto?»
«Forse perché sento fortissima la sacralità presente in ogni individuo. Poi, per carità, lo stronzo lo incontri eh?»
Tratto da «DIALOGHI VERI CHE SEMBRANO FINTI» un libro che non esiste ma che, un giorno, scriverò. Pag. 12.070