E S C I L E

28 agosto 2019
Condividi su

escile-elena-borghi

Ecografia di una delle mammelle di Elena Borghi.

 

E S C I L E.

Quell’espressione tutta italiota che sgorga da una tracotanza così maschilista da risultare familiare e quindi anche un po’ cara al cuore.
Fa ancora ridere, forse. A qualcuno, credo. Ma dai, dipende tutto da come lo si dice e da quanto sei permalosa. Mamma mia, che permalosa. Sarai mica femminista? Ma no, tu sei simpatica, fai ridere, le femministe sono serie e non ridono. Quindi? Sei femminista? Che poi a ben vedere non le esci mai. Guarda che la mercanzia, se la fai vedere, porta followers e poi pretendenti e così magari ti fidanzi, dai, che dovresti trovartelo un fidanzato. Poi sul tenerlo è tutta un’altra storia eh? Ma intanto secondo me lo trovi.

Ecco, questa foto è una mia mammella. No filter.
La esco per dirti che la prevenzione è importante. Più che trovare un fidanzato, secondo me. Che magari te lo trovi intellettuale ma emotivamente analfabeta, appassionato di calcio più che della vostra di squadra. Oppure no, lo trovi giusto, perfetto per te, meravigliosamente unico ma è già di un’altra. Quindi non te la prendere, curati nel profondo, bastati e vedrai che andrà tutto bene.
Una volta, una signora di 108 anni mi ha detto che il suo segreto di longevità è stato lasciare il marito violento e bere ogni giorno un bicchiere di vino rosso.
A oggi, mi pare abbia ancora ragione lei.