Viaggio all’Ostello Bello: il Genio inutile e la terrazza del secondo piano

11 agosto 2011
Condividi su

La terrazza del secondo piano presso Ostello Bello Milano.

 

Certo, quando avevo espresso il desiderio di passare almeno dieci giorni in una struttura alberghiera, non intendevo LAVORANDOCI (per capire meglio cosa sto facendo, clicca QUI).

Del resto mica che puoi chiedere i desideri così, ad minchiam, e poi stupirti del fatto che son stati esauditi mal interpretati.

“M’hai chiesto almeno dieci giorni in una struttura alberghiera? Ecco. Sei da OSTELLO BELLO, nel cuore storico di Milano, è Agosto, perciò: cosa c’è che non va?”

“No, niente, Genio della Lampada. Solo che, primo: io a Milano ci vivo dal ’93 quindi la suddetta città, come proposta di località di villeggiatura, la trovo quanto meno indicativa del fatto che sei privo di fantasia. Secondo: OSTELLO BELLO m’ha chiamata per lavorare e non per offrirmi una vacanza. Terzo: ho capito il tuo suggerimento de nun sta’ a guarda’ er capello, ma capiscimi un filo anche tu. Comunque, Genio della Lampada, il secondo desiderio che ho a disposizione è il seguente: “Re-infilati nella lampada e chiuditici dentro da solo”.

Che io, poi, all’OSTELLO BELLO, ci sto bene e mi sento davvero un po’ in vacanza.

Tutto un palazzo a disposizione solo di chi ci lavora, con quell’energia dentro che sa di “qualcosa di grande che sta per cominciare”.

E non è mica roba da tutti i giorni.

Oggi in pausa pranzo ho preso la mia mela, il mio pacchetto di crackers, sono salita fino a entrare nella terrazza del secondo piano e me ne son stata lì, tranquilla, guardando spicchi di cielo e ascoltando il silenzio d’Agosto.

Voglio anche dire: quando mi ricapita di stare in un luogo preposto per l’accoglienza del turista nella città in cui lavoro, senza essere turista?

E, tra l’ altro, quando aprirà i battenti OSTELLO BELLO non è che potrò arrivar lì, all’una e trequarti, con la mia mela, il mio pacchetto di crackers, bella fresca e dire: “Vabbé, faccio pausa in terrazzo da voi che si sta tanto bene e mi guardo un po’ di spicchi di cielo”.

Di fatto, OSTELLO BELLO visto ora è ancora più esclusivo.

Che poi, io son fatta così: quando mi affeziono a un posto lo sento casa mia (per conoscere il Dovemimettisto Pensiero clicca QUI).

La vacanza puoi viverla ovunque se il tuo cuore è sereno e felice per quello che fa.

Genio, stai pure nella lampada. Ho tutto quello che mi serve per star bene.

Semmai, quando ho in mente il terzo desiderio, ti faccio un fischio.