Alejandro Jodorowsky Milano: tarocchi e film per indagare la psicologia umana

15 maggio 2014
Condividi su

 

jodorowsky-milano-tarocchi-seminario-maggio-2014

 

Credo nella rievocazione delle parole dimenticate.

Credo nel potere dell’istinto e del cuore sincero.

Credo nel dialogo tra spazi e persone.

Credo non esista il tempo.

Credo nella creazione di una dimensione nuova.

Credo in ciò che vedo anche se invisibile.

Credo nel fare la differenza, sia in questa dimensione che in altre.

Credo non smetterò mai di cercare dei Maestri che mi stimolino a essere e diventare una persona migliore, in continua evoluzione poiché è la perfezione il fine ultimo dell’essere umano.

Il Maestro non sempre è consapevole d’esserlo. Mica parlo di “santoni” o non solo, perlomeno.

A volte il Maestro lo incontri in una conoscenza passeggera, in un parente, in un amico o nel soffio di una frase detta da uno sconosciuto che non rivedrai mai più.

Poi esistono i Maestri consapevoli, coloro che hanno indagato se stessi scendendo nel macabro delle lande più inospitali e desolate del proprio Io, coloro che hanno sbagliato, tanto, nella loro vita, coloro che sono risaliti dalla melma per poi decidere, scientemente, di rituffarcisi a capo fitto non appena possibile. Non deve stupire quindi se quei Maestri ne escono con una forza fuori dal comune, straordinariamente capaci di sapere all’istante chi hanno davanti. Non stupisca se la psiche umana è nel loro pugno poiché tutto conoscono di se stessi, anche l’inavvicinabile orrore che la maggior parte degli umani rifugge e caccia nel fondo dell’essenza. No, non stupisca poiché essi tutto hanno visto e non potranno che provare amore e compassione e tenerezza per te, che stai lì, davanti a loro, in cerca di risposte facili.

Uno di questi Maestri consapevoli, è senz’altro Alejandro Jodorowsky, che conosco fin da quando, appena ragazza, cercavo un mentore seppur consapevole di non essere incline al fanatismo legato a una sola verità. Ne ho sempre cercate diverse, tante, attingendo dai bacini più disparati, passando da religione, spiritualità, scienza, razionalità, natura, esoterismo, arte.

Crescendo, ho capito che il vero Maestro per me è una persona da ascoltare, analizzare, assorbire nei dati per me fondamentali, una persona che mi ispiri a essere migliore e poi via, lasciarlo scivolare dolcemente dalla propria vita in cerca di altro.

Alejandro ho avuto modo di vederlo l’anno scorso, a Milano, in un seminario sulla Psicomagia e, come dissi allora, mi colpì moltissimo vedere le genti abbandonarsi completamente nelle sue mani, in cerca di risoluzioni facili, come se la lotta per la crescita dovesse farla lui al posto di tutti (rileggi la mia recensione QUI).

Ecco, non è proprio così che funziona, non è che “pago e mi devi far uscire da questo seminario risolto”. Sì, perché Jodo si fa pagare e, dico io, fa bene perché la merda che s’è spalato lui non è merda che proprio tutti tutti son capaci di affrontare. Quindi “bella Jodo”, che torni a Milano, che a ottanta e passa anni ancora ti sbatti a fare film, che a ottanta e passa anni c’hai ancora voglia di avere un’agenda così fitta da farti girare il mondo in lungo e in largo.

E allora, se vuoi vedere il Maestro Fauno proveniente dal pianeta Psichedelia, l’appuntamento è doppio:

30 Maggio – dalle 14:30 alle 17:30, conferenza stampa con la presenza di Alejandro Jodorowsky.

– ore 20:30 – proiezione del suo ultimo film “La danza della realtà” in lingua originale con sottotitoli in italiano (presso Cinema Apollo – Galleria De Cristoforis, 3  Milano).

31 Maggio – dalle 10 alle 18:30 – seminario “La via dei Tarocchi” (presso Crowne Plaza Hotel, via Konrad Adenauer, 3 – San Donato Milanese – Milano).

Conviene che prenoti perché i posti sono ormai limitati. Per farlo vai QUI.

Ci si becca dal vecchio Fauno.