#eBayonthebeach: party in spiaggia con risate da Ventolin

8 luglio 2013
Condividi su

 

Festa sulla spiaggia #eBayonthebeach al crepuscolo, Hana-Bi, Marina di Ravenna

 

Mi sveglio con comodo, la mia tazza di caffè nero in una mano, l’altra, invece, ancorata severamente al punto vita. Messa a mo’ di anfora, sto davanti a loro, dritta, a scrutarli e loro distesi, sul mio letto, in preda all’ansia da prestazione. È così ogni volta che ci vediamo.

“Loro” sono i costumi da bagno, in sbattimento per la prova Borghi.

Se la fanno sotto, isterici e insicuri, perché sanno di non poter valorizzare le mie curve piene d’inverno. Ne butto via due, cazzi loro.

Gli altri li metto in una borsa, corro, salgo sulla carrozza cinema di un Italo a caso, che chiude la porta mentre l’orlo della mia gonna è appena svolazzato dentro al convoglio. Avrò pur perso la fertilità correndo ma non il treno. Direzione? Marina di Ravenna, ovvero quella lingua di Adriatico dove le feste in spiaggia sono all’ordine della sera e gli uomini contaballe hanno (in più) una tavola da surf.

La spiaggia romagnola la sento vicina, forse perché anche lei, come me, è cresciuta sentendosi dire “Non è bella ma, in compenso, è simpatica. Un tipo, ecco” così ogni volta è amore ed empatia tra me e quel mare color Nilo.

Ci metto poi che questa volta c’è anche la festa #eBayonthebeach, una due giorni a tinte forti organizzata da VICE e capisco che per forza ne uscirò diversa. Le tinte forti sono i colori primari del nuovo logo eBay, multistore online che offre la possibilità di conoscere la nuova app eBay Mobilee fare acquisti di cose nuove a prezzi stracciati, sorseggiando una caraffa di mojito e ascoltando dj set di livello.

Così Iddio regala la luce giusta del crepuscolo migliore (quella che vieni bene in foto anche se non vuoi, per intenderci), eBay accende romantiche lucine da balera e VICE coordina una grigliata che, a colpi di hamburgers, regala la base migliore per sostenere l’ingorda volontà di bere molto alcol (catering by casamanu).

Per la prima volta live in Italia, il dj set delle Opale, ragazze cresciute a baguettes e sfumature caleidoscopiche di rimando ipnotico e psichedelico; a seguire Digi G’Alessio, un adorabile cazzone dal talento vero, così vero da sfoggiare autoironia oltre che frustate di musica al sapore di feromone che rendono la platea femminile propensa anche al bagno tutti nudi.

Tanto i conti, si sa, si saldano il mattino dopo, con occhiaie da panda come ultimo dei problemi. Prima, tutta una serie di casi da manuale di otorinolaringoiatria: linfonodi ingrossati chiusi attorno alla gola come un giro di perle, naso occluso e orecchie tappate. Tipo che i rumori, dopo questo week end, per me, saranno ovattati per sempre ma fa niente, ne è valsa la pena.

Decido che basta nascondersi dietro a grossi occhiali da sole e godersi un sano brunch a bordo spiaggia nella suggestiva cornice bianca del Boca Barranca, a Marina Romea. E chi mi ammazza? Le risate con le amiche che durano imperterrite anche mentre torni alla tua settimana fino a quando, sfinite, il viaggio diventa un fiorire di teste che cadono ciondoloni verso il basso (con filo di bava annesso) o all’indietro (con bocca in pieno stile smascello morbido).

Con ancora il sale tra i capelli e la sabbia tra le pieghe più improbabili, stamattina mi sveglio così carica di iodio e buon umore, che mi sembra d’aver fatto dieci giorni alle Tremiti. In barca, per dire.

Invece erano solo ventiquattro le ore ma costellate di tante, gioiose risate (incasellate accuratamente nella dispensa dei ricordi per i momenti bui dell’umore) e l’acqua era quella delle paludi di bordo Adriatico ma nuotata con amiche così prese bene che, te lo giuro, è finita che una s’è dovuta fare di Ventolin per riprendersi.

E sai cosa ti dico? Che ci voleva.

E sai perché? Perché ogni subconscio è inesorabilmente attratto dal desiderio di lasciare una traccia del proprio passaggio. Dare Amore è dunque questo: il desiderio di generare qualcosa che ci sopravviva. E tale desiderio si appaga mettendo al mondo dei figli fisici oppure spirituali oppure con un atto creativo. Dopo questo week end io dico che, dentro al catalogo delle creazioni artistiche, ci metto pure le “Risate da Ventolin con amiche durante una festa in spiaggia eBay”.

Con buona pace di Socrate.